mercoledì 22 ottobre 2014
Registrazione | Login
storia lombarda 2
 Etruschi in Emilia a.C.600-400 Riduci

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli antichi romani li chiamavano tusci , i greci tirrenoi , se stessi rasenna o rasna . Se guardiamo l appennino tosco emiliano che era abitato da antichi liguri come per esempio dai Friniat , possiamo desumere che il popolo etrusco e quello emiliano dovevano essere molto simili all inizio e ciò ci è testimoniato anche dal fatto che la civiltà villanoviana era molto simile sia in romagna ed emilia che in toscana . I reperti più antichi sono quelli vicino a Bologna , sulle coste del mar padano , il che esclude al momento che i villanoviani padani derivassero da villanoviani toscani , come sostengono alcuni , ma ciò non esclude che potevano essere civiltà simili e più o meno contemporanee  o che i villanoviani derivassero da quelli padani . Prima del 10000 ac circa un po tutta l italia era simile prima dell arrivo dei fenici e dei greci nel sud . Probabilmente le colonie commerciali fenicie impiantate a nord del Tevere , lungo la costa tirrenica , si sono fuse con questi popoli italici dando vita alla civiltà etrusca . Il rapporto tra civiltà villanoviana ed etrusca ( toscana ) con la romagna e l emilia secondo me deriva molto dai commerci . La via dell ambra del tirreno saliva dal territorio degli etruschi , principalmente risalendo il Tevere , ma non si esclude anche tramite l Arno , fino in Romagna dove seguendo la costa del mar padano giungeva a Mediolan per poi andare sul Reno . Questi contatti hanno determinato scambi di merci e di cultura tra etruschi e romagnoli e indirettamente anche coi lombardi Insubr e Cenoman . Nel periodo di massima espansione etrusca , gli etruschi toscani si spingono fino all isola di Mantua . Allora fino al periodo romano Mantua era facilmente raggiungibile con navi dall adriatico tramite il mar padano . Secondo un ipotesi greca prende il nome da Manto , profetessa tebana rifugiatasi in queste paludi . In realtà la zona era già abitata dai terramaricoli e dai celto - liguri , ma probabilmente era un aglomerato di villaggi che poi si sono uniti in un unica città - isola . In seguito gli etruschi saranno scacciati dai celti francesi che attaccheranno i loro territori originali arrivando fino a Roma .  Vi è una seconda teoria per cui il nome sia originato da Mantus divinità etrusca , una terza celtica che vede il nome correlato col celtico mantus cioè colui che parla ed una quarta celtica per cui Mantua in celtico vuol dire città del cammino . E ' tutto da scoprire . La cosa che sembra trapelare è l originalità di popolazioni padane sulle quali si sono sovrapposti popoli celti esteri , etruschi ( se per etruschi non si intendono le popolazioni padane autoctone ) e contatti col mondo greco egeo  .


 Stampa   

 I Celti Riduci

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

I Celti furono chiamati Keltoi dagli antichi greci e Galli dagli antichi romani. Sono un insieme di tribù originarie dell Europa che dava molta considerazione e libertà alle donne . Sono all ' origine della civiltà occidentale europea e quindi della nordamericana ed australiana . I popoli che oggi derivano maggiormente dai Celti sono gli irlandesi i gallesi gli scozzesi , i bretoni . La civiltà celtica ha influenzato parecchio anche gli inglesi , i francesi , i belgi , i padani del nord Italia , gli austriaci , i tedeschi del sud Germania . Un pò di influenza l ' hanno esercitata anche in Portogallo , Spagna ed est Europa . Le emigrazioni dalle terre celtiche verso il Nordamerica e l Australia hanno portato la celticità in queste nuove terre.

La civiltà celtica era molto creativa , alcune loro invenzioni sono la botte , la trebbiatrice (in legno trainata da dietro da animali) , il sapone (sapu in celtico) , lo sport del rugby , lo sport del calcio , la cotta di maglia . I loro re si chiamvano Rix e i loro capi-religiosi che al tempo stesso erano scienziati , poeti , conoscitori della natura , veggenti , mediatori tra gli dei e gli uomini , detentori dei calendari , giudici , medici ; erano i famosi Druidi . Si pensa che i celti sino stati dei grandi bevitori di birra , ed al giorno d ' oggi sono proprio i territori più celtici a sfornare il numero maggiore di tipi di birre . Ma sta affiorando l ipotesi che siano stati anche bevitori di vino  e che coltivassero la vite celtica . Il motivo per cui i celti , considerati dai romani guerrieri più valorosi di essi stessi , siano stati conquistati dai romani è che loro erano divisi in tribù mentre i romani avevano alle spalle uno Stato . I romani potevano contare su un numero di soldati 100 volte superiore alle singole tribù celtiche . Potevano contare su rifornimenti di cibo per l ' esercito ed armi che sfornavano in gran quantità . Le loro armi consentivano di utilizare delle strategie molto efficaci . Inoltre molti valorosi celti delle provincie combattevano dentro l ' esercito romano come i celti padani che conquistarono le tribù della attuale Francia guidati da Cesare , Governatore appunto della Provincia della Gallia Cisalpina . Quando Roma aveva un territorio esteso poco più di un attuale Provincia italiana fù coquistata dai Galli Senoni che abitavano nella zona tra la Romagna e le Marche . Rimasero a Roma molto di più di quanto si racconta mesi , forse anni , non riuscendo a conquistare il Campidoglio . Si ritirarono perchè i loro territori erano stati attaccati dai veneti .  Quando le terre celtiche fecero parte dell ' Impero Romano conobbero l ' organizazione statale . Successivamente riuscirono a creare Regni ed Imperi come nel caso di quello mediolanense , ravennate , franco , napoleonico , britannico e statunitense . Dopo che la civiltà celtica è stata dimenticata per secoli , è stata riscoperta e rivalutata nei decenni attuali . Si riscoprono gli antichi nomi dei celti . Sono nati cartoni animati ispirati alle lotte tra galli francesi ed esercito della Repubblica Romana come Asterix e Obelix .

C' è grande interesse per una musica che oggi chiamiamo celtica , portata avanti da moderni gruppi musicali. Le nuove scoperte di strumenti musicali celti potranno illuminarci di più . Vi sono molti nomi che sono di origine celtica , cognomi , località , etc ...


 Stampa   

 La storia lombarda continua Riduci

pagina dopo


 Stampa   

 Mare Padano e lago Gerundo al tempo dei Celti e dei Romani Riduci

foto elaborata dalla base di una immagine ciapada da " Paesaggio e architettura......" di Gilberto Oneto

clicca sulla foto per ingrandirla

Quando si parla di storia delle regioni padane bisogna sempre tenere presente come era il territorio della pianura padana in quel periodo . Se no non si capisce come mai sono successi proprio lì quegli eventi . Sopra si fà vedere come durante la guerra tra i celti di Annibale e i romani , la battaglia si sia consumata proprio vicino al Trebbia . Perchè in quel tempo il Mar Padano obbligava a passare di lì per raggiungere la Lombardia dall ' Emilia e viceversa .

Da questa cartina si capisce anche come gli antichi romani hanno occupato la Gallia Cisalpina . Lo hanno fatto seguendo l ' antica costa del mare padano che poi è diventata la strada ligure , la stada gallica , composta da tronchi di legno distesi , la via Emilia lastricata , ed oggi l ' autostrada asfaltata Piacenza - Rimini . Conquistarono i Galli da sud est a nord ovest una città alla volta , tralasciando gli appennini . Non potendo andare a nord perchè c ' erano le paludi ed il Mar Padan la direzione era unica e portava a Piacenza . Piacenza rappresentava il punto d ' incrocio tra la x delle strade principali e quindi era un punto strategico . Si nota anche che il Lago Gerundo ha diviso la Lombardia milanese da quella bresciana bergamasca e si è prosciugato del tutto un 200 anni fà . Le insenature del mare hanno rappresentato la prima divisione che ha portato alla nascita delle Regioni . Era isolato soprattutto il Veneto . Non è un caso che il dialetto veneto è più diverso dagli altri dialetti padani . Si nota anche che l' antica via Gallica è diventata l ' autostrada Milano - Verona . La parte più celtica della Lombardia era quella occidentale , mentre quella orientale era stata raggiunta dai celti con più fatica e manteneva una popolazione un pò più Ligure . I romani dicevano che il mare Padano era facilmente navigabile fino a Mantua . Attorno al  lago Gerundo nascevano racconti di draghi tra i quali il più famoso fù il drago Tarantasio che forse nel medioevo ha ispirato lo stemma del Biscione Visconteo dal quale derivano nei giorni nostri , i loghi dell ' Inter , dell ' Agip , dell ' Eni , dell ' Alfa Romeo , di Mediaset .


 Stampa   

 Galli o Celti Padani a.C.700-222 Riduci

 I popoli europei avevano una cultura simile che nel primo millennio a. C. si identifica più o meno con quella celtica. Ovviamente c ' erano delle differenze tra i celti delle varie zone , come anche oggi ci sono differenze tra irlandesi , scozzesi , bretoni , ma c ' era un denominatore comune . Così c ' era similitudine tra i celti francesi , quelli padani e i popoli italici come i sanniti , gli umbri , i piceni... In Italia furono le corporazioni fenice e la colonizzazione greca che crearono nella penisola italiana una divisione culturale . Fù un processo graduale dalle coste verso l ' interno e da sud a nord . Spesso le componenti mediorientali occupavano solo i posti di potere mentre il lavoro e la guerra veniva lasciata agli autoctoni . Spesso vi erano fusioni tra europei e mediorientali , come forse è il caso degli etruschi . Questo accadeva dal Lazio in giù . Nei territori padani vivevano ancora tribù di celti autoctoni non ancora assogettati ai poteri orientali . Tuttavia i popoli lombardi commerciavano con essi e con i popoli francesi , tedeschi  e scandinavi . I veneti con essi e coi popoli dell est a partire dal nord est del baltico fino a quelli della yugoslavia e dell austria . I commerci avvenivano tramite la via dell ' ambra . Sono testimomiate presenze di popoli europei , come i galli francesi nel 7° a . C . Ma non si può escludere che passassero anche commercianti greci o fenici , quando non delegavano ad altri popoli confinanti le rotte commerciali che a loro interessavano per ottenere le loro merci . Alcuni storici tendono a far partire la presenza gallica dal 7° secolo frutto di una migrazione di popoli esterni a quelli della pianura padana . In realtà penso che le precedenti colture di Golasecca , Canegrate etc.. siano da considerarsi simili a quella dei galli francesi e ad essa sempre collegata dalla via dell ambra . Semplicemente ogni tanto questi popoli si stabilivano nella fertile pianura padana . Quando Belloveso si stabilì a Mediolanum notò con stupore che gli dei ed i costumi degli Insubri erano uguali a quelli francesi , segno che già da milleni vi erano relazioni commerciali tra mediolanum ed i territori collegati alla via dell ambra . Oppure che i popoli padani erano simili a quelli francesi già prima del 7° secolo . Per cui questa presenza di galli francesi non cambiò di molto le culture padane precedenti . Secondo lo storico padovano Tito Livio gli insubri accolsero pacificamente i celti di belloveso dando a lui le terre di nuova formazione vicino alle paludi del mar padano . In questo caso , secondo Tito Livio , il posto dove sorgerà Mediolanum . ( vestiti , dei , mentalità , usanze , organizzazione sociale , case , villaggi ) . Come si può notare dalla cartina , il territorio padano era molto diviso . Questo valeva anche per i millenni precedenti . Le insenature del mar padano creavano divisioni tra veneti , cenomani , orobi , insubri , boi , senoni . bisognava districarsi bene nelle lagune e nelle paludi padane .

Tra la Romagna ed il nord Marche c'erano i Galli Senoni . La loro stirpe era in parte locale ed in parte proveniva da una zona vicino a Parigi . Furono uno dei pochi popoli che sconfissero ed occuparono la città di Roma . I Senoni dalle vicine Marche si spostarono nel centro Italia arrivando fino a Roma che allora gestiva un territorio poco più grande di una attuale provincia italiana . Alla guida dei Senoni vi era il loro condottiero Brenno , famoso per la sua frase " Vae Victis " . " Guai ai vinti " , frase che scagliò contro i romani occupati per mesi o anni ( non è chiaro ) e ai quali chiese oro in cambio della loro partenza che comunque era dettata più dal fatto che i veneti minacciavano la romagna che per altre ragioni . Si può dire che anche gli antichi romani abbiano una piccola percentuale di sangue celtico . Un po a seguito dell occupazione senona , un po per il fatto che i sabini erano una popolazione non tanto dissimile dai celti , come d ' altronde lo erano un pò tutte le popolazioni italiche che non avevano subito l ' influenza fenicia o greca . Stà di fatto che i romani furono terrorizzati dalla forza militare dei Senoni . Cento anni dopo furono i Senoni ad essere attaccati dai romani e dai loro alleati . Questa volta il territorio sotto Roma corrispondeva ad una Regione attuale , Roma contava circa 50.000 abitanti , gli uomini del suo esercito più gli eserciti degli alleati erano molti di più di una volta . Sconfissero nel 295 a.C. i Senoni a Sentinum , una città ai confini sud del territorio senone .

I romani si infilarono nelle divisioni dei celti padani cercando di amplificarle allo scopo poi di conquistarli tutti . In questo furono aiutati anche dal fatto che i celti non avevano uno stato ma vivevano in villaggi gli uni normalmente separati dagli altri .

L ' esercito italico conquista con fatica le città emiliane una a una separatamente grazie ad un numero di soldati e ad una tecnologia superiore anche se il valore in battaglia dei Galli era considerato superiore a quello degli italici . Nel  268 a. C. l ' esercito italico al comando dei romani occupa Rimini , nel 225 a. C. occupa Bononia . L ' esercito italico occupò solo la striscia di terra tra gli Appennini e il mar Padano . Lasciarono perdere l ' appennino tosco - emiliano abitato da Liguri che attaccati nel 195 a. C. resistettero alla conquista per 20 anni fino al 175 a. C. ( i Friniati vicino a Modena ) . 

I Galli Insubri furono traditi dai Galli Cenomani e dai Veneti che si allearono con i Romani e persero perchè attaccati da un numero di soldati soverchiante e da una tecnologia militare superiore . Dopo che gli insubri furono sconfitti , i romani resero provincia anche i territori dei Cenomani e dei Veneti . Per tutti i Galli Padani il territorio assogettato si chiamò Provincia della Gallia Cisalpina . 

La lingua celtica dovrebbe essere studiata di piu' perche' fa' parte della nostra . Alcuni dei nomi dei nostri paesi e alcuni dei nostri cognomi derivano dalla lingua celtica . Altre parole celtiche sono entrate a far parte del latino in varie situazioni :

1 ) Per contatto con gli antichi popoli italici dell ' entroterra , simili ai precelti come gli Albini ( abitanti di Alba Longa ) i Sanniti etc...  

2 ) Dopo l ' occupazione celtica di Roma dei Galli Senoni .

3 ) Per introduzione di alcuni termini celti dopo la conquista romana dei territori celtici compresa la Gallia Cisalpina .  

Dal latino derivano tanti altri termini della nostra lingua .                     


 Stampa   

 La storia lombarda continua Riduci

pagina dopo


 Stampa   

  |  storia lombarda   |  Milàn  |  Bresa  |  Berghem  |  Briansa  |  Vares  |  Com  |  Pavia  |  Mantua  |  Lek   |  Cremunes  |  Lod  |  Valtellina

Copyright (c) 2007
DotNetNuke® is copyright 2002-2014 by DotNetNuke Corporation